Come risparmiare in casa: la guida completa ed aggiornata per aumentare il tuo risparmio ogni mese

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Emanuele-Buccelli

Ciao! Sono Emanuele, il creatore di Escape Strategy. Sono pienamente convinto che, con piccole azioni quotidiane, tutti noi possiamo ottenere la nostra Libertà. È quello che sto facendo per me, ed in questo sito e sui social mi occupo del mio percorso da lavoratore squattrinato a libero ed indipendente. Passa a trovarmi sul mio profilo se ti va.

Niente da fare, per migliorare la propria condizione finanziaria possiamo lavorare quanto vogliamo sulle nostre entrate… Ma se non siamo attenti ai nostri risparmi allora siamo punto a capo.

Ogni tanto è bene prendere in mano la situazione e vedere dove finiscono i propri soldi. In prima persona mi sono accorto di come il mio portafogli assomigliasse in modo incredibile ad uno scolapasta. Alla fine del mese, molti dei miei soldi scomparivano neanche io sapevo dove.

Ma tutti sti soldi dove li hai spesi?Non ti sei comprato neanche un gelato perché volevi risparmiare!

Mi son sorpreso di realizzare che letteralmente buttavo via soldi anche stando a casa e non uscendo.

Quindi non sei uscito spesso per risparmiare, sei rimasto a casa a far la muffa… Per niente?

Può essere… Quando ho realizzato tutto questo però mi son posto come obiettivo quello di risparmiare il più possibile in casa.

Per questo, quindi anche un po’ come aiuto a me stesso, ho voluto creare una guida completa con tutte le tecniche per risparmiare in casa.

Contenuti

Risparmiare in cucina

RISPARMIARE IN CUCINA

Cucinare, e tutto ciò collegato, è un qualcosa che tutti facciamo. Chi più o chi meno, ma tutti potremmo modificare un po’ il nostro comportamento in cucina.

Applicare una serie di regole, limitazioni e tecniche per risparmiare in cucina, ti porterà delle uscite in meno ogni mese.

Lista degli argomenti:

Cottura:

Cucinare:

– Cuocere a fuoco lento e con il coperchio

I consumi ai fornelli possono essere moderati adottando semplicissimi stratagemmi. Per esempio non dovresti sparare il gas a mille e trasformare la tua cucina in un falò, conservati per una bella serata in spiaggia o in campeggio

Inoltre l’uso dei coperchi, oltre ad essermi rimasto impresso in mente grazie a mia madre (indimenticabili le ciabattate in testa), aiuta nel non disperdere il calore e quindi risparmiare

– Ridurre l’acqua nella pentola

Più acqua presente nella pentola, più energia ci vorrà per portarla a bollire.

Dosate quindi la quantità di acqua in base a quanto dovete cucinare, può bastare che l’acqua copra di due dita la pasta.

“Ho portato la cisterna per la spaghettata notturna!”

– Non aspettare una volta che l’acqua bolle

A volte tendiamo a distrarci mentre cuciniamo. A me capita di mettere a bollire l’acqua e poi dedicarmi ad altre attività importanti, come cercare di difendere la cena che sto preparando dal gatto.

Ne risulta che lascio che la bollitura vada avanti per un bel po’ prima di ricordarmi di cosa stavo facendo ed aggiungere la pasta.

Quindi stai attento e non far bollire l’acqua inutilmente.

– Metti il sale dopo che bolle

Se metti il sale prima della bollitura, non farai altro che aumentare il tempo necessario per raggiungere i 100 gradi.

Tieni a freno la tua saliera fino a che non bolle. E non esagerare con il sale.

– Usa l’acqua di cottura della pasta

Una volta cucinato, non buttare via l’acqua di cottura della pasta. Puoi usarla per molte cose.

– Come riscaldare i cibi

Se avete messo da parte le lasagne della nonna del giorno prima e decidete che il momento giusto è arrivato (infatti è scientificamente provato che è impossibile che durino più di un giorno o due), allora toglietele dal frigorifero prima possibile.

In questo modo avranno tutto il tempo necessario per riscaldarsi da sole e tornare a temperatura ambiente. Sempre che non ve le freghi qualcuno.

– Usa il forno a microonde

Un forno a microonde consuma la metà rispetto ad uno convenzionale. Ed anche i tempi di cottura risultano molto inferiori.

Ovviamente non tutti i cibi vanno bene, ma questa è una cosa che dovrete valutare voi.

– Mangia a casa o da amici

cucinare-in-casa

Il primo consiglio è probabilmente quello più banale ed ovvio, ma ho voluto inserirlo per completezza.

Uscire al ristorante può essere veramente comodo e non nego che ogni tanto ci stia, ma riservala per una qualche occasione speciale. I costi infatti sono solitamente molto più alti rispetto al prepararsi da soli il pranzo o la cena e alla lunga può diventare un’abitudine anche andare a mangiare fuori.

E, se ci metti un po’ d’impegno, mangiare a casa non deve essere assolutamente noioso.

Inoltre proponete più spesso di fare cene in casa con i vostri amici, invece che uscire sempre. Una volta da uno, una volta dall’altro e la serata non ha niente di meno, anzi.

– Usare gli avanzi

Spesso può capitare di sovrastimare il nostro appetito o quello degli ospiti. A quel punto è veramente uno spreco buttare via il tutto, anche se magari alla fine non ne è rimasta così tanta.

Metti da parte gli avanzi, conservali nel modo migliore (frigorifero o congelateli). Sono sicuro che potrai riutilizzarli in un secondo momento, magari per far fronte ad un attacco di fame ed evitare di comprare qualche schifezza costosa.

“Vado a scongelare i 2 chili di spaghetti che ho fatto in più ieri… Non mi giudicare.”

– Controlla le scadenze

Dedica un attimo di tempo a controllare le varie scadenze dei prodotti che hai in frigo. Ce ne saranno alcuni oramai prossimi al macero, mentre altri che potranno godersi ancora a lungo il clima freddo.

Ecco, programma i tuoi pranzi e cene in modo tale da usare gli alimenti più vicini alla scadenza, in modo tale da non creare sprechi inutili.

Magari potresti mettere in bella mostra i cibi più deperibili e dietro quelli più a lunga durata.

– Crea una scorta di piatti

Prendi un po’ di tempo, magari nel weekend, per portarti avanti e cucinare non un singolo pasto, ma una serie di piatti in quantità.

Risparmierai tempo, creando magari una porzione molto più grossa da dividere in più volte, che potrai congelare. Magia, hai già pranzi e cene già pronte per la settimana.

– Evita il cibo a domicilio

È sempre più facile farsi consegnare oramai qualsiasi tipo di piatto nella comodità di casa propria.

Sebbene sia estremamente invitante farsi portare un panino di 1,5kg la sera dopo il lavoro, la cosa sarebbe meglio evitarla.

Attrezzandoti per tempo, anche seguendo il punto precedente di crearsi una scorta di piatti, è possibile resistere alla tentazione sfoderando una delle nostre creazioni.

Oppure puoi sempre ricreare quel panino o quella pizza che tanto volevi direttamente in casa. Il risparmio è evidente e, se prendi la cosa nel giusto modo, può anche rivelarsi divertente

– Produci degli alimenti in autonomia

Probabilmente uno dei consigli di più difficile attuazione, ma quello che può regalarti le soddisfazioni più grandi. Prepararsi da soli il pane o la pasta può diventare un’attività divertente, inoltre esistono in commercio diversi strumenti per aiutarti in questo processo.

Se non hai la voglia o il tempo, puoi pensare almeno di coltivare le tue erbe aromatiche come rosmarino, basilico e peperoncino.

Personalmente ho in balcone queste tre piante in balcone e richiedono uno sforzo prossimo allo zero.

– Compra frutta e verdura di stagione

I supermercati hanno facilitato e velocizzato non di poco il far la spesa. In ogni periodo dell’anno puoi trovare tutto ciò che vuoi.

La frutta e la verdura fuori stagione però sono importate e costano più che durante la stagione.

Cerca quindi di seguire la natura, magari comprando i giusti alimenti nei negozi ortofrutticoli. Con un po’ di accortezza è possibile ottenere cibi freschi e sani ad un prezzo inferiore rispetto a quelli di un supermercato.

– Lava la verdura in una bacinella, non sotto l’acqua

Tenere l’acqua corrente aperta mentre puliamo le verdure è un grosso spreco: la maggior parte di quell’acqua non viene neanche usata.

Per cui, prova ad utilizzare una bacinella dove raccogliere l’acqua ed usarla per lavare la verdura.

Stesso discorso per i piatti.

– Usa meno detersivo per i piatti

Prova a mettere il detersivo in un bicchiere con un po’ d’acqua ed intingere la spugna nel bicchiere solo quando necessario.

Ne risparmierai in detersivo ed acqua, usata solo per il risciacquo finale.

– Acqua meno calda per lavare i piatti

Quando lavi i piatti, non è necessario che l’acqua raggiunga la temperatura del sole ed i fumi rendano la tua cucina una sauna.

Una temperatura tiepida può fare egregiamente il suo lavoro, anzi molti detersivi hanno effetto anche con l’acqua fredda. Non ustionarti per niente.

Come risparmiare con il frigorifero

Il frigorifero è sicuramente tra gli elettrodomestici più dispendiosi, se non il primo.

Spesso però non lo utilizziamo nel modo più economico…

“Oh Emanuele lascia aperto il frigo che si rinfresca casa così!”

Ne risulta quindi che capire come funziona il frigorifero e gestirlo in modo corretto è fondamentale e ci può permettere di risparmiare molto, essendo sempre in funzione.

– Frigorifero a risparmio energetico

Se il tuo frigorifero è antecedente all’atterraggio sulla luna, allora probabilmente i suoi consumi sono molto più elevati di quello che dovrebbero.

Cerca di comprarne uno a risparmio energetico, possibilmente nella classe di efficienza A (A+, A++, A+++). Potrà magari sembrarti costoso, ma risparmierai rispetto ad un modello più dispendioso ogni volta che è acceso. Quindi, nella maggior parte dei casi, sempre.

Frigorifero e fonti di calore

Il tuo frigo cerca di mantenere una determinata temperatura in ogni condizione climatica.

Per cui se posto vicino a fonti di calore, come un termosifone o il forno, dovrà lavorare di più per preservare in fresco le tue birre. Quindi consumerà di più.

Cerca di sistemarlo più lontano che puoi dal caldo (potrei metterlo in balcone).

– No alimenti caldi

Non mettere i tuoi piatti appena cucinati o riscaldati in frigo, aspetta che si raffreddino prima.

Altrimenti, portando calore all’interno, riscalderai gli altri alimenti e il frigo dovrà fare gli straordinari, maledicendoti.

– Non riempitelo troppo

Fai in modo che l’interno del frigorifero non sia strapieno.

Più cose ci saranno all’interno, più sarà dispendioso mantenere la temperatura desiderata.

– Non aprirlo inutilmente

Dopo la terza volta che riesci a tenere la porta socchiusa in modo tale da vedere la luce spegnersi, direi che puoi ritenerti soddisfatto.

Evita da ora in poi di aprirlo a meno che non sia strettamente necessario. Ogni apertura porta il calore ad entrare all’interno ed aggiunge quindi un carico di lavoro e un dispendio di energie.

– Regola il termostato

La temperatura ottimale del frigo è compresa tra i 3° e i 5°.

Cerca di rimanere tra questi valori, non serve avere più freddo al suo interno.

– Frigorifero naturale in inverno

Durante l’inverno, le temperature rigide ti mettono a disposizione un frigorifero naturale a costo zero.

Puoi, per esempio, lasciare la spesa appena fatta un po’ all’esterno, in un terrazzo o balcone, dandole il tempo di raffreddarsi.

E stando attento ai vicini che potrebbero rubartela.

Come risparmiare con la lavatrice

COME RISPARMIARE CON LA LAVATRICE

Un altro dei grossi elettrodomestici presenti in casa è la lavatrice, quindi bisogna prendersi cura anche di essa.

Anche perché c’è chi dice di farla la sera, chi farla piena, chi vuota, chi farla nei giorni di luna piena e chi che conviene portare i panni al fiume.

– Lavatrice a risparmio energetico

Se devi comprare una lavatrice, il consiglio è quello di investire qualcosa nell’acquisto di una a risparmio energetico, cercando di orientarsi verso i modelli di classe A (A+, A++, A+++).

Forse la spesa iniziale sarà un po’ più alta, ma ad ogni lavaggio risparmierai qualcosa rispetto a modelli più dispendiosi.

Se ne hai già una, ma risale all’epoca in cui i dinosauri regnavano sulla terra, allora considera di investire per comprarne una nuova.

– Capienza adeguata alla famiglia

Le lavatrici hanno differenti capienze. Cerca di prenderne una adeguata al numero di persone del tuo nucleo famigliare, senza strafare.

Una capienza troppo esagerata è inutile e ti porta a sprechi altrettanto inutili.

– Manutenzione

Una lavatrice al top dell’efficienza è una lavatrice economica (Suppongo quindi che la mia sia impegnata al bar).

Cerca periodicamente di pulire i tubi di scarico e il cestello. Guarda anche la condizione dei filtri.

Se non hai idea di come fare, affidati a qualcuno che conosci esperto o segui un video su internet. Ci sono oramai video che ti spiegano come volare, sono sicuro che troverai qualcosa.

– Lavatrice a pieno carico

Prima di effettuare una lavatrice, cerca di accumulare un certo numero di panni. Per ridurre il numero dei lavaggi infatti è consigliato riempire il cestello (si narra che questi elettrodomestici si offendano se gli dai un lavoro troppo esiguo).

Meno lavaggi = meno acqua e meno energia usata. Non male.

Non sbagliare però nel verso opposto, non cercare di rendere la tua lavatrice un treno giapponese nell’ora di punta, con gli addetti costretti a spingere le persone all’interno.

Altrimenti l’acqua farà fatica a circolare e la pulizia non sarà il massimo.

– Orario migliore

Purtroppo niente effetti positivi nelle lavatrici nelle notti di luna piena.

Però esistono fasce orarie più economiche per il consumo d’energia. Durante il giorno infatti l’energia è molto più richiesta, pensate ad aziende e fabbriche, per cui ottenerla risulterà più costoso.

Ne consegue che, se possibile, dovresti cercare di effettuare i tuoi lavaggi quando l’energia è meno richiesta, quindi la sera (dalle 18/19:00 alle 8:00) e nei fine settimana. Quindi non puoi più lamentarti se i tuoi vicini fanno lavatrici alle 4 di mattina. Forse.

– Temperatura di lavaggio

Temperature elevate di lavaggio non sono necessarie, a meno che i panni non siano veramente molto sporchi, e sono più costose. Dopo tutto non state cercando di cucinare i vestiti per poi servirli a tavola (anche se i vestiti  commestibili non sembrano male).

Molte volte 40 gradi sono tutto ciò che vi serve, non di più.

– Dosate il detersivo

Evitate di abbondare con il detersivo come fate con il vino nel fine settimana.

Sulla confezione solitamente potete trovare le indicazioni ottimali per le quantità, solitamente 25 ml per ogni kg di bucato.

– Evitate il prelavaggio

A meno che tu non ti sia rotolato nel fango per ore, il prelavaggio non è così necessario.

Ah, non sapevi neanche ci fosse? Ottimo.

Come risparmiare acqua

COME RISPARMIARE ACQUA

Nelle nostre case l’acqua è un elemento fondamentale. Basta che pensi alla cucina, alla lavatrice, alla doccia o vasca, all’acquario con i tuoi pesci tropicali rarissimi.

Capire come risparmiare l’acqua che tanto usiamo quindi potrà portare benefici a molte aree di casa tua.

Io direi che dovresti approfittarne.

– Usa il contatore per acqua

Grazie ad un contatore apposito per l’acqua riuscirai a renderti conto di quanta acqua stai effettivamente usando. Impara a leggerlo, non è una cosa che fanno in molti.

Solitamente realizziamo qualcosa solo quando veniamo posti dinanzi alla realtà dei fatti, perciò analizzare il contatore potrebbe spingerti verso un uso più consapevole.

E poi, se non stai usando acqua ma ti accorgi che continua a muoversi, allora dovrai indagare meglio. Da qualche parte qualcosa sta perdendo acqua.

– Quando ti lavi i denti chiudi il rubinetto

Mentre ti lavi i denti, o magari ti stai radendo o lavando le mani, non serve tenere il rubinetto dell’acqua aperto.

Sembra una cosa stupida, ma sono azioni che ripeti molte volte e a lungo andare, usando solo lo stretto necessario di acqua ne risparmierai parecchia, probabilmente centinaia di litri ( se non migliaia ).

– Non lasciar perdere il rubinetto

So che occuparti delle faccende domestiche non è il massimo della vita, ma dovresti proprio riparare quel rubinetto che perde continuamente acqua.

Si tratta di uno spreco che può sembrare piccolo, ma è continuo e ti porterà a consumare un grosso quantitativo di liquidi, oltre che di nervi.

Non passare la serata nella doccia

Una doccia calda è rilassante, senza dubbio. Ma è anche un enorme dispendio d’acqua.

Se da una parte ti invito a continuare ad usare la doccia, anche solo per quieto vivere nella società, dall’altro puoi sempre cercare di ridurne la durata.

Ogni minuto che passa usi diversi litri d’acqua, quindi in un periodo di un anno starci anche un minuto in meno a volta può cambiare veramente molto.

In ogni caso, una doccia è molto meno dispendiosa di un bagno.

– Non usare il WC come bidone

Stai attento a come usi il WC. Molti lo vedono come un bidone, gettandoci dentro carte, cotton fioc o altro.

In realtà, ogni volta che scarichi il WC, questo usa diversi litri di acqua pulita.

Insomma, un grande spreco.

– Attento quando parti

Finalmente le meritate vacanze, in viaggio per qualche giorno…

Ma sei sicuro di aver chiuso? E se esce acqua da qualche tubatura? Uno spreco immenso di acqua e possibili grandi danni alle mura e all’edificio.

Fai una cosa, quando parti stacca il rubinetto centrale. Un pensiero in meno.

– Sciacquone con scarico differenziato

Hai presente quando volete tirare l’acqua e trovate due tasti diversi?

Ecco, no non si sono sbagliati, uno dei due tasti è fatto apposta per scaricare poca acqua quando non ne serve molta.

Differenziare e non usare sempre lo sciacquone a pieno regime permette di risparmiare molta acqua.

Come risparmiare in casa fai da te

COME RISPARMIARE IN CASA FAI DA TE

Magari ti sembra strano, ma hai mai pensato che è possibile creare in casa molti dei prodotti che usi quotidianamente e che compri al supermercato? Magari a volte anche ad alto prezzo.

In aggiunta, spesso nei prodotti che porti a casa sono presenti un quantitativo molto alto di sostanze che non sono il massimo per il nostro corpo. Quindi benessere unito al risparmio.

A questi prodotti di uso comune si possono poi aggiungere tutti quei prodotti di arredamento di facile costruzione.

Andiamo a vedere che cosa possiamo fare:

– Bajour da una bottiglia

Una soluzione veramente economica per le bajour dei tuoi comodini. Invece di comprarne una nuova ti basta avere una bottiglia e delle luci led, acquistabili ovunque.

Ti basta lavare ed asciugare con cura la bottiglia ed inserire le luci.

Ne puoi trovare di veramente economiche che hanno già un tappo incorporato con il pulsante per accenderle. Fortemente consigliate (ne ho quattro in camera da letto).

– Usa l’aceto bianco

L’aceto bianco può essere usato per moltissime cose ed è realmente economico,lo si può trovare a meno di un euro.

Puoi usarlo come economico e salutare sostituto del “brillantante” per la lavastoviglie. Davvero efficace per far “brillare” le nostre posate.

Ottimo poi l’uso che se ne può fare per il nostro piano cucina, è in grado di pulire e rimuovere tutte le macchie che hai lasciato.

Ma poi, se così potente, perché non usarlo anche per la pulizia delle piastrelle? Magari in bagno. Spugna e aceto e avrai una pulizia ottimale, a basso costo.

– Usa il bicarbonato di sodio

Il bicarbonato viene spesso ancora usato, sebbene in passato se ne facesse un più largo utilizzo nelle pulizie.

Potrai usarlo, allungato con acqua calda, per:

  • Pulire meglio i piatti dall’unto e dallo sporco. Ottimo anche per disinfettare le spugne.
  • Pulire i pavimenti
  • Pulire i bagni
  • Pulire l’argenteria
  • Ecc…

– Shampoo fai da te

Se fai una semplice ricerca in internet, potrai trovare decine e decine di formule diverse per crearti uno shampoo fatto in casa, per ogni tipo di necessità.

Quella che ti propongo è una formula molto veloce e tra le più economiche.

Semplicemente riempi un barattolo con il bicarbonato per metà, poi aggiungi dell’acqua, fino a rendere il tutto come una crema. In un altro barattolo metti 1/4 di aceto e 3/4 d’acqua.

Usa il primo barattolo, dopo averlo agitato, sui capelli per circa un minuto.

Sciacqua e versa un po’ del secondo barattolo. Massaggia e risciacqua ancora.

Finito.

Un modo realmente semplice, ecologico, sano ed economico per lavarsi i capelli.

– Salse fai da te

Lo so, è molto facile passare nella corsia del supermercato ed infilare nel carrello le salse che vuoi.

Sappi però che la maggior parte di queste sono creabili anche in casa, in pochissimo tempo.

Cerca su internet la ricetta per la tua maionese o salsa barbecue fai da te.

In aggiunta, le salse fatte in casa sono sicuramente più salutari di quelle che puoi trovare al supermercato.

Come risparmiare sul riscaldamento

COME RISPARMIARE SUL RISCALDAMENTO

Soprattutto se sei una persona freddolosa ti sarai accorto dell’ammontare molto maggiore sulla bolletta nella stagione invernale.

Ancor più se sei abituato a ricreare l’atmosfera tropicale nel tuo salotto ed accogliere gli ospiti con le tue scintillanti camicie hawaiane.

Ovviamente ci sono modi anche per risparmiare sul riscaldamento.

No, non ti sto chiedendo di vivere da eschimese con un igloo costruito in salotto (cosa che proverò prima o poi), ma di attuare qualche strategia per continuare a vivere al caldo, ma con qualche soldo in più.

– Non coprire i termosifoni

Se stai usando i tuoi termo come stendini per far asciugare velocemente i panni, allora sappi che ne risente l’efficienza dei termosifoni, che non riusciranno a riscaldare bene l’ambiente.

Quindi lascia liberi i termo di esprimere tutto il loro potere, non coprirli con tende, vestiti, mobili o divani.

– Niente stufette elettriche

Stufetta elettrica sparata al massimo e addio freddo!

Peccato che in questo modo stai usando un quantitativo enorme di energia, solitamente circa il doppio rispetto al normale impianto. Piuttosto accendi i termo e nel frattempo che fanno il loro lavoro copriti un po’ di più.

– Temperatura adeguata

Lascia per l’estate il girare in pantaloncini corti e maglietta. In casa puoi stare comodissimo con un pigiama più caldo e tenendo la temperatura ad un livello adeguato.

Quindi niente 25° dentro casa quando fuori ce ne sono 2.

Una temperatura ottimale può essere quella che va dai 19 ai 20 gradi.

Basta essere coperti ed è una temperatura realmente vivibile. Inoltre, un ambiente troppo caldo è anche deleterio per la tua salute.

Considera che cambiare il termostato anche di un solo grado può modificare i tuoi consumi dell’8% o 9%.

– Abbassa la temperatura di notte

Non so se ti è mai capitato, ma a volte sono così stanco da addormentarmi non pensando a preparare cose per il giorno dopo, il pranzo, i vestiti… E a regolare il termostato.

E così mi è capitato più volte di svegliarmi sudato e con la gola secca. Non una gran sensazione.

Per questo, prima di metterti sotto le coperte abbassa un poco la temperatura.

Dormirai meglio e la tua bolletta sarà più bassa.

Se poi hai la possibilità di programmare la tua caldaia, allora puoi decidere di riaccenderla prima di svegliarti. Una bella comodità questa.

– Chiudi le tapparelle di notte

Sai che dormire in un ambiente buio fa molto bene alla tua salute? Senza luci dall’esterno, lampioni, macchine, persone che si fanno delle foto con il flash attivato.

Inoltre, avere le tapparelle chiuse permette una minore dispersione del calore.

Potresti attuare questo consiglio anche quando esci di casa.

– Spegni i termosifoni nelle stanze che non usi

È possibile che in casa tua ci siano delle stanze che non sono usate, se non in rare occasioni. Magari la stanza degli ospiti?

Allora non devi avere dubbi. Vai in quella stanza e spegni i termosifoni senza rimorsi, ricordandoti poi di tenere chiusa la porta della camera.

– Fai eseguire la manutenzione

Solitamente una pulizia annuale della caldaia è caldamente (non prendetevela con me per il gioco di parole) consigliata.

Può di certo avere il suo costo, ma ne guadagnerai in efficienza della caldaia, risparmiando per tutto l’anno a venire.

Cerca di muoverti per tempo, quando ancora non è arrivato l’inverno ed i tecnici sono stracolmi di lavoro.

– Casa ben isolata

Sei sicuro che la tua casa sia ben isolata?

In caso contrario il calore potrebbe disperdersi da un gran numero di parti: finestre, tetto, pareti, ecc…

Cerca di garantire un buon isolamento, ti sarà utile sia d’inverno che d’estate (che rinfreschi se il caldo entra da fuori anche se tutto chiuso?) con il condizionatore sparato a mille.

– Doppi vetri

La presenza di doppi vetri contribuisce notevolmente all’isolamento della tua abitazione, evitando la dispersione del calore.

Consiglio quindi di agire velocemente per la sostituzione degli elementi che portano spifferi all’interno: sostituisci i serramenti con quelli adeguati, predisposti di doppi vetri.

Evitare gli spifferi ai serramenti, magari tramite l’utilizzo di silicone in finestre e porte contribuirà in modo considerevole al mantenimento della temperatura

– Riscaldamento a pavimento

Installare un impianto di riscaldamento a pavimento è un lavoro brigoso, niente da dire.

Ma magari in futuro avrai in cantiere una ristrutturazione del tuo immobile. Prendi quindi in considerazione l’aggiunta nella lista di un impianto di questo tipo.

Si tratta di un riscaldamento veramente efficiente, in grado di usare temperature dell’acqua inferiori a quelle del termosifone e a riscaldare in modo efficace l’ambiente emanando calore dal basso verso l’alto.

Inoltre, è maledettamente invitante

– Chiudi la cappa del camino

Se hai un camino in casa, per prima cosa sappi che ti invidio molto.

Di solito, ogni camino è dotato di una valvola che permette la chiusura completa, in modo tale da non permettere il passaggio dell’aria tra interno ed esterno.

Chiudila.

Ed inoltre, chiudi anche le griglie di aerazione del camino.

– Regola la temperatura della caldaia

Tenere una temperatura della caldaia troppo elevata è inutile, riscalderai troppo l’acqua senza motivo, oltre ad essere uno spreco di energia.

Tienila su un valore attorno ai 45°.

– Usa le valvole termostatiche

Dovresti applicare delle valvole termostatiche nei tuoi termosifoni, anche se vecchi.

Grazie a questi strumenti potrai dare una marcia in più al tuo impianto di riscaldamento, rendendo indipendente ogni calorifero di casa tua.

In questo modo potrai agire su ciascun termostato impostando correttamente la manopola graduata, gestendo così al meglio le tue necessità e quelle di tutti gli abitanti di casa tua.

– Usa i crono-termostati

Niente da fare, il riscaldamento autonomo è una di quelle agevolazioni date dalla tecnologia che apprezzo molto.

Grazie ad un cronotermostato, sarai in grado di impostare l’orario di accensione del riscaldamento, magari un po’ prima che torni a casa. E tenere tutto spento quando non c’è anima viva nell’abitazione.

In quelli più avanzati hai anche la possibilità di dividere la casa in aree diverse, ognuna con la propria gestione.

Arieggiate, ma non troppo

Arieggiare la casa è una buonissima abitudine, in grado di prevenire il formarsi di muffe e togliere l’odore di chiuso.

Fallo in modo intelligente però, sfruttando le ore più calde della giornata per far entrare anche un po’ di sole e limitare la dispersione del calore.

Ma non tenere tutto aperto per ore con i termo accesi, 10/15 minuti sono più che sufficienti.

Come risparmiare luce in casa

COME RISPARMIARE LUCE IN CASA

Al momento attuale probabilmente faremmo veramente fatica a vivere bene se non ci fosse più la corrente elettrica, per quanto ne siamo dipendenti.

Ne usiamo in continuazione, per gli scopi più diversi. E paghiamo ognuno di questi utilizzi, anche se non ce ne accorgiamo subito.

Imparare come risparmiare luce in casa e gestirne al meglio l’utilizzo è la cosa giusta da fare, sottraendoti spese inutili ogni mese

– Spegni l’interruttore della luce

Consiglio molto banale, lo so, ma uno dei più facili da attuare. E ti assicuro che ci sono molte persone che non lo fanno.

Quando esci da una stanza, ricordati sempre di spegnere la luce.

Sai da quante stanze passi ogni giorno? Attuando questa strategia avrai in pratica un risparmio costante.

Risparmio molto piccolo, sono d’accordo, ma bisogna puntare all’accumulare tanti piccoli risparmi.

– Attento agli elettrodomestici

Ovviamente, attuare tutti i consigli proposti nelle altre sezioni incide fortemente sul risparmio di corrente elettrica.

Pensa a quanto incide un frigorifero o un forno. Attua tutti i consigli che trovi in questa pagina per ridurre drasticamente il peso sulla tua bolletta.

– Stacca quello che non usi

Probabilmente in casa tua puoi trovare una grossa quantità di ciabatte accese, spie luminose di computer, televisioni ed elettrodomestici o gli addobbi di natale il 15 di Agosto.

Una lucina minuscola potrà sembrarti un qualcosa di insignificante, ma certe persone hanno più luci della centrale dell’Enel.

Il mio consiglio è quello di staccare dalla corrente tutto ciò che non stai usando in quel momento preciso.

Si tratta di una buona abitudine che è meglio prendere.

Per esempio potresti staccare il WIFI quando esci di casa, in modo da lasciare a secco i vicini scrocconi, o anche durante la notte

Porta con te questi consigli

Ho creato un’immagine che puoi scaricare con alcuni dei consigli di cui abbiamo parlato:

come risparmiare in casa

Risparmiare in famiglia

Tutti i consigli che hai trovato fino ad ora saranno praticamente inutili se sei l’unico ad applicarli e non abiti da solo.

Prova ad immaginare di passare davanti al termostato, abbassare la temperatura di 3 gradi, e tornare ai tuoi affari soddisfatto; solo che, dopo 5 minuti passa tuo figlio che ha deciso di voler girare per casa in costume a Novembre, e rialza di 5 gradi.

Uno sforzo inutile quindi.

Quello che devi fare è rendere partecipi di questi tentativi di risparmio i componenti della tua famiglia, in modo tale da creare cooperazione.

Non devi mentire e tenere nascosto niente, cercando di discutere con calma della vostra situazione e di cosa fare.

Puoi approfondire questo discorso nell’articolo su Come risparmiare soldi in famiglia.

Conclusione

I consigli in questa guida sono veramente molti, dai più banali a quelli cui magari non avresti mai pensato.

Cerca di applicarli nella tua vita di tutti i giorni, vedrai che se lo farai correttamente i tuoi risparmi non potranno far altro che crescere.

Anche se fosse solo di 10/20€ al mese. Devi pensare che è un risparmio costante, mese dopo mese.

Rifiuteresti, per esempio, un aumento dello stipendio di 20€ senza dover far niente di particolarmente difficile? Io di certo no.

Naturalmente non è un invito a vivere una vita in casa senza comfort, anzi. Attuando bene il tutto la tua comodità tra le tue mura non subirà nessun declino.

E tu?

Hai qualche suggerimento per risparmiare? Scrivilo nei commenti! Se interessante provvederò ad integrare questa guida con la tua saggezza.

Commenti

LETTURA CONSIGLIATA

Come risparmiare soldi in modo efficiente! Impara a risparmiare in modo semplice e continuato e a non doverti più preoccupare grazie a questi consigli e esercizi testati!

[yuzo_related]